Valutazione e autovalutazione

Nel mese di dicembre 2017, il Team Digitale, dell’Istituto Comprensivo “Madre Teresa di Calcutta” di Campodipietra, ha invitato tutti i docenti a rispondere al questionario per la rilevazione dei bisogni formativi nell’ambito del PNSD. Il questionario è stato pensato per rilevare i bisogni formativi dei docenti in materia di didattica digitale. Di seguito la rilevazione.   RILEVAZIONE DATI DEL QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI_PNSD

QUESTIONARI_INCLUSIONE_SCOLASTICA_2017_2018

Il Rapporto di Autovalutazione, predisposto dall’INVALSI ed elaborato dall’Istituto è pubblicato anche sul Portale Ministeriale “Scuola in chiaro”.

Rapporto Autovalutazione_Periodo di Riferimento – 2016/17

R.A.V. 2015

La valutazione è espressione dell’autonomia professionale propria della funzione docente, nella sua dimensione individuale e collegiale, nonché dell’autonomia didattica delle istituzioni scolastiche. Ha per oggetto il processo di apprendimento, il comportamento e il rendimento scolastico complessivo degli alunni e concorre, con la sua finalità anche formativa, al miglioramento dei livelli di conoscenza e al successo formativo.

I docenti, in riunioni per discipline e/o aree, hanno realizzato un modello comune di misurazione comprensivo di griglia di conversione dei punteggi in voto.

GRIGLIE DI CORRREZIONE SCUOLA PRIMARIA

GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA

GRIGLIE DI CORREZIONE SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

Autovalutazione d’Istituto: efficacia ed efficienza del servizio scolastico

L’art.21, comma 9, della Legge 15 marzo 1997, che istituisce l’autonomia delle Istituzioni scolastiche, prevede per le medesime “l’obbligo di adottare procedure e strumenti di verifica e valutazione della produttività scolastica e del raggiungimento degli obiettivi”. L’autovalutazione d’Istituto costituisce, quindi, un obbligo di legge, ma anche una proposta che mira allo sviluppo di una cultura collaborativa, che porta tutti i protagonisti coinvolti a impegnarsi in un dialogo costruttivo per la definizione di fattori di qualità, per la loro valutazione e per le azioni di miglioramento. La Scuola verifica l’efficace ed efficiente utilizzo delle risorse per il raggiungimento degli obiettivi dell’Istituto. L’autovalutazione è attuata mediante l’uso di strumenti (questionari, test, griglie, …) predisposti secondo appositi indicatori selezionati; la loro diffusione tra il personale della scuola, gli alunni ed i genitori, consente di rilevare il grado di soddisfazione per l’organizzazione scolastica e la qualità dell’apprendimento, così da supportare i processi decisionali strategici e operativi, oltre che fornire indicatori utili per programmare e controllare l’attività svolta e i rispettivi operatori .

Per l’Autovalutazione verrà presa in considerazione la Direttiva n. 11 del 18/09/2014, concernente il Sistema Nazionale di Valutazione per gli anni scolastici 2014/2015, 2015/2016 e 2016/2017 che a riguardo precisa quanto segue: “A partire dall’anno scolastico 2014-2015 tutte le istituzioni scolastiche effettueranno l’autovalutazione mediante l’analisi e la verifica del proprio servizio e la redazione di un Rapporto di autovalutazione contenente gli obiettivi di miglioramento, redatto in formato elettronico. A tal fine, i seguenti principi e criteri generali costituiranno il riferimento per i soggetti del Sistema Nazionale di Valutazione e per la Conferenza per il coordinamento funzionale del Sistema Nazionale di Valutazione:

1. l’INVALSI sosterrà i processi di autovalutazione delle scuole fornendo strumenti di analisi dei dati resi disponibili dalle scuole, dal sistema informativo del Ministero e dalle rilevazioni nazionali e internazionali degli apprendimenti; definirà un quadro di riferimento, corredato di indicatori e dati comparabili, per l’elaborazione dei rapporti di autovalutazione il cui format sarà reso disponibile alle scuole entro ottobre 2014;

2. il Sistema Nazionale di Valutazione si avvarrà di una piattaforma operativa unitaria predisposta dai Servizi informativi del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, in modo da poter gestire e coordinare il flusso delle informazioni e le elaborazioni dati provenienti dalle varie fonti;

3. il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca avvierà, in collaborazione con i soggetti del Sistema Nazionale di Valutazione, piani di formazione per tutte le scuole, con particolare attenzione ai dirigenti scolastici.”

Nell’anno scolastico (2013-2014) il nostro Istituto, assieme ad altri 400, è stato selezionato per la realizzazione del progetto “Valutazione e Miglioramento”.

Il Progetto V&M, realizzato da INVALSI con il contributo dei fondi strutturali europei, si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione. “Il progetto intende promuovere il miglioramento delle istituzioni scolastiche attraverso il confronto tra punti di vista interni ed esterni alla scuola e l’attivazione di processi interni finalizzati all’autovalutazione e all’apprendimento organizzativo. Il punto di partenza del progetto è favorire la funzione formativa della valutazione attraverso l’analisi dei processi interni, la restituzione di informazioni alle scuole e la promozione presso le istituzioni scolastiche di pratiche orientate alla lettura e interpretazione dei feedback ricevuti dal team di valutazione esterna, al fine di regolare le azioni successive e attivare processi di miglioramento.” Nella visita valutativa, articolata su tre giorni, oltre alle interviste individuali, sono stati utilizzati i focus group per un confronto approfondito con le varie componenti scolastiche, al fine di fare emergere idee e proposte di miglioramento.

Slide del seminario del 22/11/2013       Scheda Piano di Miglioramento